Scarpe nella Storia - La Vispa Teresa Scarpe

LA VISPA TERESA - Piazza A. Bianconcini 6/7 - IMOLA (BO) - tel 0542 20992
Privacy Policy
ORARI APERTURA NEGOZIO
dalle ore 9.00 alle ore 12.30
e dalle ore 16.00 alle ore 19.30
Luglio e Agosto giovedì pomeriggio CHIUSO
Vai ai contenuti

Menu principale:

In questa pagina si possono trovare notizie e curiosità trovate in "rete" su tutto quello che riguarda la scarpa e la sua storia dai nostri antenati fino ad adesso.


Si pensa che siano le scarpe più antiche del mondo.

In Armenia, stato europeo indipendente situato nella zona caucasica, tra il Mar Nero e il Mar Caspio, è stato riportato alla luce un reperto eccezionale. Si tratta di una scarpa di pelle antichissima, in ottimo stato, completa di lacci e risalente a 3500 anni prima di Cristo. La singolare scoperta è stata effettuata da un nucleo di ricercatori dell’università irlandese di Cork. Il coordinatore della ricerca, Ron Pinhasi, ha spiegato che le dimensioni della scarpa armena sono accomunabili a un attuale 37, ma non è chiaro se fosse da uomo o da donna anche perché, all’epoca, i piedi degli uomini misuravano diversamente. Ma l’antica calzatura non è la più vecchia del mondo. In passato, infatti, scavi in Missouri e in Israele hanno restituito scarpe fatte con delle piante che, secondo il test del carbonio, risalirebbero a ben 8000 anni fa.  



Le Scarpe di Natale
Autore: Anonimo - Libro: InternetCasa Editrice


C'era una volta una città i cui abitanti amavano sopra ogni cosa l'ordine e la tranquillità. Avevano fatto delle leggi molto precise, che regolavano con severità ogni dettaglio della vita quotidiana. Tutte le fantasie, tutto quello che non rientrava nelle solite abitudini era mal visto o considerato una stranezza. E per ogni stranezza era prevista la prigione. Gli abitanti della città non si dicevano mai "buongiorno" per la strada; nessuno diceva mai "per piacere"; quasi tutti avevano paura degli altri e si guardavano sospettosamente. C'erano anche quelli che denunciavano i vicini, se trovavano un po' troppo bizzarro il loro comportamento. Il commissario Leonardi, capo della polizia, non aveva mai abbastanza poliziotti per condurre inchieste, sorvegliare, arrestare, punire... Già nella scuola materna, i bambini imparavano a stare ben attenti alle loro chiavi. E c'erano chiavi per ogni cosa: per le porte, per l'armadietto, per la cartella, per la scatola dei giochi e perfino per la scatola delle caramelle! La sera, la gente aveva paura. Rientravano tutti a casa correndo e poi sprangavano le porte e chiudevano ben bene le finestre. Erano rimasti tuttavia dei ragazzi che sapevano ancora scambiarsi qualche strizzata d'occhi e anche degli insegnanti che li incoraggiavano... Ma, soprattutto, c'era Cristiana. Cristiana aveva i capelli biondi come il sole, gli occhi scintillanti come laghetti di montagna e non pensava mai: "Chissà che cosa dirà la gente". Nella città si facevano molte dicerie sul suo conto. Perché Cristiana aiutava tutti quelli che avevano bisogno di aiuto, consolava i bambini che piangevano e anche i vecchietti rimasti soli, perché accoglieva tutti coloro che chiedevano un po' di denaro o anche solo qualche parola di speranza. Tutto questo era scandaloso per la città. Non potevano proprio sopportare ulteriormente quel modo di vivere così diverso dal loro. E un giorno il commissario Leonardi, con venti poliziotti, andò ad arrestare Cristiana, o Cri-Cri, come l'avevano soprannominata gli amici. E per essere sicuro che non combinasse altre stranezze, la fece mettere in prigione. Questo accadde qualche giorno prima di Natale. Natale era una festa, ma molti non sapevano più di chi o di che cosa. Sapevano soltanto che in quei giorni si doveva mangiare bene e bere meglio. Ma senza esagerare, per non prendersi qualche malattia... Soprattutto, la sera della vigilia di Natale, tutti dovevano mettere le proprie scarpe davanti al camino, per trovarle piene di doni il giorno dopo. Una cosa questa che, nella città, facevano tutti, ma proprio tutti. Così fu anche quel Natale. All'alba, tutti si precipitarono dove avevano messo le scarpe, per trovare i loro regali. Ma... che era successo? Non c'era l'ombra di un regalo. Neanche un torrone o un cioccolatino! E poi... le scarpe! In tutta la città, le scarpe risultavano spaiate. Il commendator Bomboni si trovò con una scarpina da ballo, una vecchia ottantenne aveva una scarpa bullonata da calcio, un bambino di cinque anni aveva una scarpa numero 43, e così di seguito. Non c'erano due scarpe uguali in tutta la città! Allora si aprirono porte e finestre e tutti gli abitanti scesero in strada. Ciascuno brandiva la scarpa non sua e cercava quella giusta. Era una confusione allegra e festosa. Quando i possessori delle scarpe scambiate si trovavano, avevano voglia di ridere e di abbracciarsi. Si vide il commendator Bomboni pagare la cioccolata a una bambina che non aveva mai visto e una vecchietta a braccetto con un ragazzino. Solo qualche finestra restava ostinatamente chiusa. Come quella del commissario Leonardi. Quando però il commissario sentì il gran trambusto che veniva dalla strada, pensò a una rivoluzione e corse a prendere le armi che teneva sul camino. Immediatamente il suo sguardo cadde sulle scarpe che aveva collocato davanti al camino. E anche lui si bloccò, sorpreso.  Accanto alla sua pesante scarpa nera c'era... una pantofola rossa di Cri-Cri. Stringendo la pantofola rossa in mano, il commissario corse alla prigione. La cella dove aveva rinchiuso Cri-Cri era ancora ben chiusa a chiave. Ma la ragazza non c'era. Ai piedi del tavolaccio, perfettamente allineate c'erano l'altra scarpa del commissario e l'altra pantofola rossa. Dal finestrino, protetto da una grossa inferriata, proveniva una strana luce. Il commissario si affacciò. Nella strada la gente continuava a scambiarsi le scarpe e ad abbracciarsi. Con un insolita commozione, il commissario si accorse che la luce che veniva dal finestrino era bionda e calda come il sole e aveva dei luccichii azzurri, come succede nei laghetti di montagna. E .......incominciò a capire.



2014 LA VISPA TERESA di La Guardia M. Pasquali R. Fabbri M. - p.zza Bianconcini 6/7 - 40026 Imola - p.iva 02646501201 - email: lavispateresa04@libero.it
Torna ai contenuti | Torna al menu